• Registrati
    *
    *
    *
    *
    *
    Fields marked with an asterisk (*) are required.
Sei in: Home

Consigli Utili

LESIONI MUSCOLARI

P { margin-bottom: 0.21cm; direction: ltr; color: rgb(0, 0, 0); widows: 2; orphans: 2; }

LESIONI MUSCOLARI DA TRAUMA IN ELONGAZIONE

Il muscolo è una magnifica struttura che ha il compito di produrre movimento e per questo ha caratteristiche di contrattilità ed elasticità. L’elasticità è una componente imprescindibile poichè essa garantisce il buon funzionamento del sistema detto a “molla” , così come la contrattilità che è la capacità di accorciare la struttura.

Ci sono due tipi principali di contrazioni e sono quella isometrica, senza accorciamento del muscolo, e quella isotonica, che produce realmente movimento, e può essere di tipo concentrico, cioè in accorciamento, ed eccentrico,ovvero in allungamento. Esse devono però essere viste in un panorama molto più complesso. Infatti quando scendiamo le scale il quadricipite produce una contrazione eccentrica, quindi di tipo elongativo, ovvero contrazione in allungamento. Questo tipo di contrazione richiede uno sforzo che và dal 60 al 75% dell’energia del muscolo ed è un esercizio molto impegnativo per il nostro corpo. Si pensi che qualsiasi azione da noi compiuta richiede sempre sia azioni muscolari concentriche che eccentriche, anche di uno stesso muscolo.

E’ ora chiaro il perchè i traumi in elongazione sono i più frequenti in un soggetto sportivo. Inoltre da tenere conto del fatto che tali traumi avvengono sempre nel primo quarto d’ora di prestazione e soprattutto se il muscolo non ha avuto un processo adeguato di riscaldamento.

La loro classificazione avviene con la dicitura di lesioni di primo,secondo e terzo grado.

Il primo grado di lesione è comunemente chiamato stiramento che non è altro che una microlesione del tessuto muscolare che ha tempi di recupero di una settimana, dieci giorni di riposo assoluto della struttura sollecitata.

Lesione di secondo grado



l secondo grado, invece, è una lesione del fascicolo muscolare che a differenza della sua lunghezza e dello stravaso ematico ha tempi di guarigione completa dai quindici ai cinquanta giorni e anche in questo caso si prevede astensione totale dall’attività sportiva. Per il terzo grado si parla di “strappo” , non inteso come nel linguaggio comune, cioè una delle due lesioni minori sovracitate, ma una vera e propria rottura del ventre muscolare che deve essere operato da uno specialista e ha tempi di guarigione superiore ai novanta giorni.

Rottura muscolare senza ematoma



Naturalmente per ogni lesione guarita il muscolo deve essere allenato prima di portarlo a compiere una prestazione perchè il rischio di recidiva è estremamente alto.

Tarallo Francesco
 

CENTRO PODOLOGICO - PACILIO

Alla continua ricerca di partnership che possano permettere di avere il meglio in termini di professionalità e esperienza cercando però di ottenere delle collaborazioni vantaggiose pe ri nostri atleti questa settimana vi proponiamo questo centro podologico specializzato che offre ai nostri atleti degli sconti interessanti. 

Centro Podologico Pacilio situato a San Giorgio a Cremano (NA) in Via Margherita di Savoia 25 specializzato e qualificato per la cura del piede, valuta, fa attività di prevenzione e tratta da circa 30 anni le alterazioni e le patologie del piede, da quelle ipercheratosiche cutanee alle problematiche ungueali come onicomicosi e onicocriptosi (unghia incarnita), le verruche, le ulcere, il piede pediatrico, geriatrico, reumatico, il “piede doloroso” nonché quello diabetico attraverso modalità terapeutiche podologiche, biomeccaniche, posturologiche, riabilitative ed ortesiche. Tra i vari servizi il Centro effettua sulla base di numerosi studi e ricerche scientifiche ed anni di esperienza in ambito ospedaliero uno screening del piede diabetico e l'esame baropodometrico statico e dinamico su pedana di 320 cm, l'esame stabilometrico e quello morfologico (Bio Postural Test) che permettono di valutare e monitorare la situazione podalica, deambulatoria e posturale del paziente attraverso l'ausilio di una metodica non invasiva e realizza ortesi plantari e ortesi in silicone su misura al fine di migliorare l'appoggio plantare e riequilibrare il Sistema Tonico Posturale alleviando quindi la sintomatologia dolorosa e migliorando, negli atleti, la performance sportiva.

La nostra struttura altamente innovativa è fornita di apparecchiature tecnologicamente all'avanguardia ed è gestita da personale altamente qualificato e specializzato nel campo della podologia, della biomeccanica e della posturologia che partecipa costantemente e fattivamente ad aggiornamenti professionali di Educazione Continua in Medicina. Tale personale ha partecipato e partecipa attualmente nel campo della ricerca scientifica alla stesura di articoli e lavori scientifici su riviste medico-scientifiche e del settore rendendo tale Centro leader in ambito podoposturologico.

SI RICEVE PER APPUNTAMENTO
dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00, il sabato dalle ore 10.00 alle ore 13.00.

Contatti:

Tel.- Fax081275021  - cell 3384700007

SITO :
http://www.podologiasportivanapoli.it/

 
bread

SOLIDARIETA' ...alla stazione centrale di Napoli

Quante volte vi siete detti che quelle scarpe vecchie, a cui di certo siete affezionati, ma che non utilizzate più vorreste darle in beneficenza ? 

Tante volte lo avrete fatto ma quante altre ancora non lo avete ancora fatto ?

   

Consigli per finire più forte

PREPARARSI FISICAMENTE

IL METODO DI GEBRSELASSIE

Recordman sulla distanza della Maratona

 

Finire forte: “Gebre” due volte campione olimpico sui 10.000 metri, detentore del record del mondo sulla maratona, conosce l’argomento. Dopo una sconfitta nel 2006, nel tentativo di battere il record su questa distanza, per aver ceduto negli ultimi 5 km. Hailé prese una decisione: non solo correre sistematicamente un 10.000 in pista in preparazione alla maratona, ma in aggiunta di fare delle uscite di 3 ore a 3.000 metri di altitudine ed aumentando la velocità ogni 10km. Tranquillizzatevi, i suoi consigli per gli amatori sono più “umani”   : “Piuttosto che un uscita settimanale lunga tradizionale, raccomando di fare una settima su due un’uscita più corta, ma alla vostra andatura obiettivo. Dopo un riscaldamento ben fatto fate prima 6 km alla vostra velocità di maratona. Poi, ogni 15 giorni, aggiungete 3 km a quest’uscita, fino a farne 20 totali alla vostra velocità obiettivo.  Il giorno dopo tale uscita completerete con 1h30 di resistenza con corsa facile e lenta. Le altre settimane, fareste le vostre uscite solite meno veloci, ma, così, avrete preso l’abitudine di correre più a lungo e più veloce e quindi finirete le vostre gare più velocemente”

 

IL METODO KARA GOUCHER

MARATONETA AMERICANA

 

Terza alla maratona di New York del 2008 in 2h25mn 53s, l’americana Kara Goucher è anche una specialista su pista sulla distanza dei 5.000m e 10.000 m.  In scia della Paula Radcliff (prima in 2h23 mn 56s) fino al 30km, ha dovuto completamente rallentare in seguito essendo poi costretta a ritrovare tutte le energie nervose a Central Park per finire correttamente. E addirittura per finire semplicemente la gara. Subito dopo la corsa spiegò: “I 10 km finali sono stati terribili, ho pensato che sarei morta, ma mi sono aggrappata per riuscire a tenere questa terza posizione. Nella mia testa, ho cercato di avere pensieri positivi, mi sono detta: - Ci sei ormai, devi arrivare al traguardo, sulla pista in genere riesci, qui è lo stesso. Salirai sul podio - .” In poche parole nella testa di Kara, solo pensieri positivi, nonostante la sofferenza che provava. Nonostante comunque aggiunse con humor: “Visto che sono riuscita a tagliare il traguardo, terza, e ancora in vita avevo solo un pensiero in testa : Ricominciare”.

 

Consiglio utile per acquisto scarpa per la Maratona di Roma

Un discorso particolare dev'essere fatto per l'acquisto delle scarpe per poter prendere parte alla Maratona di Roma. Visto e considerato il fatto che in linea generale un paio di scarpe hanno la durata di una preparazione atletica, cioè da 4 a 6 mesi, che in linea di massima significa percorrere da 800 a oltre 1.000km per le diverse categorie di podista, possiamo ipotizzare di acquistare un paio di scarpe apposite per preparare la Maratona di Roma.