• Registrati
    *
    *
    *
    *
    *
    Fields marked with an asterisk (*) are required.
Sei in: Home

LESIONI MUSCOLARI

Stampa
P { margin-bottom: 0.21cm; direction: ltr; color: rgb(0, 0, 0); widows: 2; orphans: 2; }

LESIONI MUSCOLARI DA TRAUMA IN ELONGAZIONE

Il muscolo è una magnifica struttura che ha il compito di produrre movimento e per questo ha caratteristiche di contrattilità ed elasticità. L’elasticità è una componente imprescindibile poichè essa garantisce il buon funzionamento del sistema detto a “molla” , così come la contrattilità che è la capacità di accorciare la struttura.

Ci sono due tipi principali di contrazioni e sono quella isometrica, senza accorciamento del muscolo, e quella isotonica, che produce realmente movimento, e può essere di tipo concentrico, cioè in accorciamento, ed eccentrico,ovvero in allungamento. Esse devono però essere viste in un panorama molto più complesso. Infatti quando scendiamo le scale il quadricipite produce una contrazione eccentrica, quindi di tipo elongativo, ovvero contrazione in allungamento. Questo tipo di contrazione richiede uno sforzo che và dal 60 al 75% dell’energia del muscolo ed è un esercizio molto impegnativo per il nostro corpo. Si pensi che qualsiasi azione da noi compiuta richiede sempre sia azioni muscolari concentriche che eccentriche, anche di uno stesso muscolo.

E’ ora chiaro il perchè i traumi in elongazione sono i più frequenti in un soggetto sportivo. Inoltre da tenere conto del fatto che tali traumi avvengono sempre nel primo quarto d’ora di prestazione e soprattutto se il muscolo non ha avuto un processo adeguato di riscaldamento.

La loro classificazione avviene con la dicitura di lesioni di primo,secondo e terzo grado.

Il primo grado di lesione è comunemente chiamato stiramento che non è altro che una microlesione del tessuto muscolare che ha tempi di recupero di una settimana, dieci giorni di riposo assoluto della struttura sollecitata.

Lesione di secondo grado



l secondo grado, invece, è una lesione del fascicolo muscolare che a differenza della sua lunghezza e dello stravaso ematico ha tempi di guarigione completa dai quindici ai cinquanta giorni e anche in questo caso si prevede astensione totale dall’attività sportiva. Per il terzo grado si parla di “strappo” , non inteso come nel linguaggio comune, cioè una delle due lesioni minori sovracitate, ma una vera e propria rottura del ventre muscolare che deve essere operato da uno specialista e ha tempi di guarigione superiore ai novanta giorni.

Rottura muscolare senza ematoma



Naturalmente per ogni lesione guarita il muscolo deve essere allenato prima di portarlo a compiere una prestazione perchè il rischio di recidiva è estremamente alto.

Tarallo Francesco
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna